Pulizie d'amore dopo la fine di una storia

Pulizie d’amore dopo la fine di una storia

Un amore finisce e la tua casa si trasforma in un reliquiario nel quale ogni oggetto che ricorda il tuo ex partner diventa un oggetto sacro che non riesci a spostare o a buttare? Eppure arriva l’ora nella quale una sana pulizia diventa il modo migliore per liberarsi dai fantasmi del passato e ricominciare a vivere la tua vita.Ecco come ritornare padrona del proprio destino e dei tuoi spazi … in sei semplici mosse!

1 – Ripulire il tuo cellulare
La prima cosa da fare, quando ormai è diventato chiaro che la storia è definitivamente morta e sepolta, è quella di eliminare il suo numero di telefono dalla rubrica del tuo cellulare. Dopo ore passate a fissare il suo numero sul display chiedendoti angosciosamente “Ce la farò o no?”, nel momento stesso di premere il tasto “Cancella” ti sentirai sollevata, e se anche avessi a pentirti di questa drastica decisione non potrai che renderti conto di quante telefonate, delle quali ti saresti poi pentita, sei riuscita a risparmiarti. E i giorni passati sapendo di non aver modo di raggiungerlo facilmente con uno squillo o con un sms saranno sempre meno pesanti, e abituarsi a una nuova vita sembrerà sempre più facile e naturale.

Il peggior nemico di una persona ancora innamorata è infatti il telefono cellulare: la facilità di mettersi in contatto potrebbe farti cadere in tentazione, e sono soprattutto i fine serata, quando un po’ di alcol ha fatto cadere le inibizioni, i momenti più rischiosi per telefonate disperate o messaggi deliranti. In tal caso si consiglia di lasciare in consegna il proprio telefonino a un amico fidato pronto a resistere ad ogni tentativo di corruzione finalizzata a qualsiasi comunicazione verso il tuo ex.

2 – Distruggere ogni suo oggetto presente sul tuo territorio
Magliette, mutande, spazzolini, accendini e occhiali da sole: sono questi gli oggetti che probabilmente il tuo ex potrebbe aver lasciato a casa tua. Mentre, quando stavate insieme, ti eri abituata a considerare le sue proprietà come parte integrante del mobilio del tuo appartamento, adesso però questi oggetti risaltano in tutta la loro drammatica incongruenza. Spesso ci si affeziona a tali ricordi, anche se sono fonte di struggente tristezza, nella speranza recondita che un giorno lui possa rimaterializzarsi e riprendere il suo posto nella tua vita. Niente di più sbagliato!

Questo naturalissimo blocco è la spia di una tua insicurezza, del tuo non essere pronta a vivere in pieno nuove avventure amorose e nuove relazioni: prima ci si disferà di tutti questi oggetti che occupano il tuo cuore e il tuo campo visivo prima significherà che, seppur la nostalgia e il senso di perdita rimangono nel tuo cuore, il peggio è passato e la vita è ricominciata, e con essa la ricerca dell’amore. E forzarsi in questa pulizia casalinga non potrà che farti ritrovare quella grinta nell’affrontare il futuro di cui tutti abbiamo bisogno.

3 – Rivoluzionare lo spazio interno
Il tuo ex adorava fumarsi una sigaretta sul divano vicino alla finestra? Stavate ore abbracciati sul tuo letto a guardare film romantici?
Bene: il prossimo passo dovrà inevitabilmente essere quello di cancellare le tracce invisibili del suo passaggio. Visto che non sempre è possibile spendere migliaia di euro per comprarsi un divano nuovo o un nuovo letto ad ogni storia finita male allora la soluzione ideale è quella di una rivoluzione dello spazio del tuo appartamento, perché se i suoi fantasmi occupano ancora la tua casa come puoi sperare di cacciarli dalla tua mente.

Un bel Ficus benjamin al posto del divano (con magari un divieto tassativo di fumare in casa, cosa che non può che aiutare anche la salute), e la televisione, per quanto scomodo questo possa essere, che viene fatta traslocare in cucina.

Per il letto, sicuramente il luogo più sensibile alla nostalgia, meglio cambiare posizione o dormire “al contrario”, con la testa al posto dei piedi: certo non sarà questo a far sentire meno la mancanza del tuo ex grande amore, ma, fino a quando un nuovo uomo non si sdraierà al tuo fianco, le nuove prospettive visive conquistate ti impediranno di vedere il suo spazio vuoto nel letto.

4 – Cancellare parole e suoni
Un falò è forse una soluzione troppo radicale, ma di certo un bel sacco nero dell’immondizia riempito delle lettere che ti ha mandato, riposto nello sgabuzzino vicino alla cassetta degli attrezzi e ai detersivi, servirà a impedirti di leggere e rileggere, in un crescendo sempre più masochista, le parole che ti avevano fatto innamorare di lui.
Perché se tra qualche anno queste potranno diventare il bel ricordo di una persona che hai amato, al momento quella carta è equivalente alle sbarre di una prigione che ti impediscono di uscire dalla cattività di un rapporto trasformatosi in oppressione della memoria.

Stesso discorso per i suoi cd, e per tutte quelle canzoni che ascoltavate insieme e che ti ricordano lui: regalali, o prestali per un po’ a un amico. La musica ha il potere di evocare ricordi e sensazioni anche più delle lettere, e perciò in questi momenti è meglio staccare per un po’ la spina dell’impianto hi-fi. Fino a quando nuove canzoni non verranno a prendere il posto di quelle vecchie nel tuo cuore, fino a quando non sarai pronta a scrivere una nuova melodia d’amore sul pentagramma della tua vita.

5 – Eliminare gli odori
Aprendo l’armadietto del tuo bagno ti sei accorta che lui, l’uomo che credevi fosse quello perfetto, è andato via lasciando però indietro una traccia odorosa del suo passato: il dopobarba.

La tentazione è forte, ma ancora più forte di lei ti devi dimostrare: non aprire quella boccetta, non indugiare nell’estasi olfattivo del suo profumo che aleggia ancora vicino a te per una volta ancora.
Quel dopobarba potrebbe diventare la tua droga, della quale non riuscirai più a fare a meno, il tuo rifugio di nostalgia che però ti aggancerà ad un ricordo diventato ormai il tuo padrone.

Butta il contenuto della boccetta nel water o nel lavandino: sentirai quel profumo un’altra sola volta ancora, e scivolando lungo le tubature si porterà via parte della tua tristezza.

6 – Evitare i luoghi che ti ricordano lui
La casa è ormai libera dal suo fantasma, ma attenzione a tutti gli altri luoghi ai quali il suo ricordo non può che essere legato.

Mai andare a cena nel ristorante dove ti ha portato la prima volta, mai tornare nel cinema dove per la prima volta ti ha preso la mano o nel parco dove vi siete dati il primo bacio. Un giorno andrai in questi luoghi senza pensarci, e ti accorgerai con soddisfazione di questi non hanno più su di te alcun potere. Ma per arrivare a riconquistare la serenità di cui hai diritto si deve necessariamente passare per un calvario di zig-zag tra luoghi in cui non puoi andare, ma che riconquisterai presto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *